Furti di identità, Puglia sesta in Italia

“La Puglia è sesta in Italia per i casi di furti di identità, cioè l’utilizzo illecito dei dati personali e finanziari con lo scopo di ottenere credito o acquistare beni. Un tipo di truffa sempre più diffusa e molto pericolosa”. È quanto rilevano i dati di Crif S.p.A. (osservatorio sulle frodi creditizie), che nel primo semestre 2019 segnala circa 16.700 casi, con un incremento del 36,7% rispetto all’anno precedente: l’importo medio delle truffe è di 4.662 euro, in flessione del 21,4%, per un totale (nei primi sei mesi del 2019) di 77 milioni di euro.
La distribuzione delle frodi per sesso evidenzia che la maggioranza delle vittime (64,9%) sono uomini. La suddivisione per regione mostra invece una maggiore incidenza in Lombardia, Campania, Lazio e Sicilia, seguite da Piemonte e Puglia, con la stessa dinamica registrata 12 mesi prima, e con aumenti marcati in Lombardia e Sicilia. Anche nel primo semestre 2019 le frodi più ricorrenti riguardano l’acquisto di elettrodomestici, davanti ad auto e moto e agli articoli di arredamento. In crescita abbigliamento e prodotti di lusso che arrivano al 6,9%, oltre che elettronica, informatica e telefonia.
Raddoppiano anche i casi di frode sulle carte di credito, arrivati a oltre un quarto del totale dei casi registrati nel periodo. Un caso su dieci, infine, riguarda i prestiti personali.
Se metà dei casi viene scoperto entro 6 mesi, per tutto il resto si arriva fino a 5 anni. Il documento più contraffatto, invece, è la carta di identità (nell’80%) dei casi. Gli esperti raccomandano di prestare molta attenzione ai propri documenti, di fare tempestivamente denuncia di smarrimento alle autorità e di non fidarsi delle telefonate che chiedono di comunicare dati personali sensibili in mancanza di adeguata motivazione.
«Per ridurre il rischio di subire una frode creditizia – spiegano dal Crif – dobbiamo essere noi ad attivarci per proteggere adeguatamente i nostri dati, ad esempio attivando un sms di allerta per controllare le transazioni con la carta di credito o sistemi che avvisano se i nostri dati vengono utilizzati per chiedere un prestito o se stanno circolando sul web».

Potrebbe piacerti anche Altri di autore