Essere felici ispirandosi agli antichi romani

Dopo l’affresco di “Decadenza” che raccontava l’ascesa e la profonda crisi della nostra civiltà, per Michel Onfray è venuto il momento di delineare un modello positivo a cui ispirare l’esistenza individuale e collettiva: lo trova nei grandi protagonisti dell’antica Roma. Quindi il suo libro “Saggezza” editore Ponte delle Grazie.
Il filosofo francese attinge a piene mani dalla storia romana per darcene un’interpretazione eretica e di buon senso allo stesso tempo: a differenza della pomposa (e inutile) metafisica dei greci, che vivevano con gli occhi rivolti al cielo delle idee, i romani sono veri e propri maestri di vita, «saggezza» incarnata, dunque filosofia allo stato puro. I greci imbrogliavano con le loro fumose teorie, mentre i romani, che sapevano vivere con i piedi ben piantati a terra, continuano a illuminarci e a spronarci con i loro grandi esempi.
I discorsi non valgono nulla se non si trasformano in gesti, azioni, carne, ed è uno spettacolare teatro di corpi quello che allestisce Onfray, di suicidi grandiosi e di combattimenti di gladiatori, di amicizie sublimi e di omicidi che cambiano il corso della Storia.
Diviso in tre grandi parti, dedicate rispettivamente a Sé, agli Altri e al Mondo, “Saggezza” esorta a (ri)trovare “…il romano che è in noi, ovvero la capacità di prenderci cura di noi, della comunità e della natura, e prova a dare una risposta alle domande più difficili: che uso fare del proprio tempo? Come rimanere saldi nel dolore? Si può invecchiare bene? Bisogna generare figli? Come si fa ad addomesticare la paura della morte? Cosa ci insegna la natura?
Voce rara e preziosa in questi «tempi alla fine del tempo», Onfray ricorda che “vivere non è fissare gli occhi al cielo, ma proteggere la città e amare più che si può: soprattutto se si sta approssimando una tempesta”.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore