BEI, Banco BPM e Banca PPB a sostegno delle imprese

Banca europea per gli investimenti (BEI) e il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) hanno siglato due distinti accordi con il Banco BPM con sede legale a Milano (nato dalla fusione nel 2016 tra Banco Popolare e Banca Popolare di Milano) e la Banca Popolare di Puglia e Basilicata (BPPB), sede legale Altamura provincia di Bari, a sostegno delle imprese italiane, con particolare attenzione al settore agricolo e al sud Italia.
La convenzione firmata tra BEI e BPM ammonta a 500 milioni di euro destinati alle medio-piccole società italiane e aziende agricole; sul totale, 200 milioni sono riservati alle PMI (fino a 250 addetti), 200 alle imprese di medie dimensioni (tra 250 e 3.000 addetti) e 100 alle imprese agricole con una quota del 10% per i giovani agricoltori.
Per quanto riguarda la struttura dell’operazione “la BEI sottoscrive in private placement un nuovo covered bond emesso nell’ambito del programma BPM Covered Bond 2, garantito da un portafoglio di mutui residenziali costituito ai sensi della legge italiana sulle Obbligazioni bancarie garantite”.
Il covered bond emesso da Banco BPM ha durata sei anni con rimborso del capitale a scadenza e con cedola a tasso fisso pari allo 0,5% annuo. Banco BPM trasferisce 500 milioni di nuove risorse con un vantaggio finanziario (riduzioni di tasso alle imprese) al finanziamento dei progetti delle imprese che ne faranno richiesta. Sarà Banco BPM, attraverso la sua rete di filiali, a gestire domande di finanziamento, erogazioni e rimborsi. Le durate dei prestiti potranno arrivare sino a 12 anni.
Anche il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) e la Banca Popolare di Puglia e Basilicata hanno sottoscritto un contratto nell’ambito del programma europeo “SME Initiative”. È la terza convenzione stipulata nel 2019 tra il fondo e l’istituto bancario che si aggiunge alle iniziative InnovFin (per finanziare aziende innovative) ed Agri Italy (per investimenti agricoli in Puglia). Implementata tramite una garanzia del FEI, l’iniziativa è supportata anche dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI), dai fondi COSME e dal Ministero per lo sviluppo economico (MISE), che ha messo a disposizione i fondi strutturali e di investimento europei (SIE).
Il progetto rappresenta uno strumento finanziario innovativo di risk transfer previsto dalla nuova regolamentazione sui fondi SIE, che permette di abbinare i fondi gestiti a livello nazionale (o regionale) con risorse del programma europeo.
L’accordo è stato realizzato nella forma tecnica di cartolarizzazione sintetica su un portafoglio di finanziamenti in essere. La Banca si impegna ad erogare nuovi finanziamenti alle piccole e medie imprese del sud Italia e per circa 120 milioni di euro in 36 mesi, a tasso agevolato, facendo uso di 11 milioni di fondi volti a coprire le prime e le seconde perdite, messi a disposizione dalla Managing Authority (MISE) con fondi SIE.
È la prima operazione SME Initiative che raggiunge l’obiettivo di liberare i confidi: il portafoglio cartolarizzato è correntemente garantito da vari confidi pugliesi. Grazie alla firma con il FEI, BPPB ha potuto liberare i confidi, cosicché le loro risorse potranno essere nuovamente impiegate per nuove operazioni.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore