Noci, vino cibo e teatro a Bacco nelle Gnostre 2019

Oggi e domani si celebra l’edizione 2019 di Bacco nelle Gnostre. Una veste rinnovata, caratterizzata da colori, saperi, esperienze singolari e uniche. Omaggio all’eccellenza dei territori attraverso le degustazioni dal sapore autentico, con l’impronta della tradizione e dell’innovazione del gusto e delle materie prime. Ricerca e proposte originali affidate agli chef e agli operatori gastronomici del luogo più creativi: la lavorazione e trasformazione in diretta delle materie prime sarà il primo spettacolo riservato ai visitatori e partecipanti.
In Piazza Garibaldi c’è il connubio tra l’Agricola Lama Chiara e Il Falco Pellegrino: chef Natale Martucci ha già pensato ad una rivisitazione del Piatto di Bacco che esalterà ancor più il sapore deciso del cavolo riccio, protagonista anche nel gustoso Panino di Bacco.
Spazio alle specialità casearie pluri premiate a marchio Deliziosa con burrate, caciocavallo stagionato in grotta e treccine preparate al momento dai sapienti mastri casari. Lungo l’estramurale, invece, l’offerta culinaria con tutte le specialità tipiche come pettole, panzerotti, primi piatti della tradizione, carni alla brace e tanto altro. Ulteriore novità di quest’anno lo stand “gluten free” in Piazza Plebiscito.
Le premiate e prestigiose cantine di Puglia garantiranno la degustazione a mano dei professionisti dell AIS Puglia dei migliori rossi insieme alla fragranza delle castagne arrostite selezionate da Fruttattiva. Tenute Chiaromonte, Cantine Barsento, Cantine Viglione, Vinicola Rivera, Cantine Tauro, Masseria Ludovico, Cantina Fiorentino, Polvanera, Li Archetipo, Vini Fieramosca, Casa Vinicola Apollonio sono le pregiate cantine di Bacco nelle gnostre 2019.
Allietano la serata cibo e buon vino nuove sonorità, teatro di strada, danze aeree, dialoghi sui davanzali, mostre nei chiostri, escursioni urbane e rurali.
Il programma ideato e organizzato dal Parco letterario Formiche di Puglia in collaborazione con il Comune di Noci e l’Assessorato alle risorse agroalimentari della Regione Puglia.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore