La fine dell’impero romano nel libro di Kyle Harper

Il libro “Il destino di Roma. Clima, epidemie e la fine dell’impero”, Einaudi editore, è scritto da Kyle Harper.
La grandiosa ricostruzione di uno dei capitoli più misteriosi della storia umana: la caduta dell’Impero romano. Il primo libro che esamina il ruolo decisivo che il cambiamento climatico e le epidemie ebbero nel crollo dell’impero: la storia del trionfo della natura sull’ambizione umana.
“Scritto in modo stupendo, sontuoso e appassionato, davvero un gran libro di storia» afferma Peter Brow.
«Colto, vivace e aggiornato, di gran lunga il miglior resoconto degli aspetti ecologici e ambientali della storia dell’Impero romano» – J. R. McNeill «Kyle Harper è il Gibbon del XXI secolo. Un libro fondamentale» sostiene Ian Morris.
Intrecciando una solida narrazione storica con la scienza del clima e le scoperte della genetica, Kyle Harper evidenzia come il destino di Roma sia stato deciso non solo da imperatori, soldati e barbari, ma anche da eruzioni vulcaniche, cicli solari, instabilità climatica e virus e batteri devastanti. Il racconto prende le mosse dall’apogeo di Roma nel I secolo a.C., quando l’impero sembrava una superpotenza invincibile, fino alla sua completa disfatta nel VII d.C., quando Roma era ormai politicamente frammentata e impoverita. Harper descrive in che modo i Romani cercarono di resistere a un enorme stress ambientale, finché l’impero non fu più in grado di sopportare le sfide combinate di una piccola era glaciale e ricorrenti focolai di peste bubbonica.
Un volume, diciamo così, molto attuale.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore