I cerealicoltori aspettano le premialità dell’anno 2016

“Gli agricoltori stanno ancora aspettando che vengano loro erogati, da Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura), i premi relativi ai contratti di filiera per gli anni 2016, 2017 e 2018”.
Parole dei vertici di CIA, Agricoltori Italiani, dopo l’incontro con i dirigenti del Ministero dell’Agricoltura e i collaboratori della sottosegretaria Alessandra Pesce.
“I ritardi sui pagamenti dovuti sono davvero incredibili” aggiunge Michele Ferrandino, presidente provinciale di CIA Capitanata. “Lo sono ancora di più, se si pensa alle difficoltà del settore cerealicolo di questi anni e agli investimenti rilevanti sostenuti dagli agricoltori per ottemperare agli standard qualitativi e quantitativi imposti dai contratti di filiera”.
Le pratiche relative ai premi dell’annualità 2016 sono 6800: dal Ministero hanno spiegato che circa 200 bonifici sarebbero già stati attivati; 3600 pratiche avrebbero avuto esito positivo, mentre per le altre saranno necessari ulteriori approfondimenti.
“La cosa incredibile” dichiara Nicola Cantatore, direttore provinciale di CIA Capitanata, “è che a tre anni di distanza ci sia ancora la metà delle pratiche da valutare”.
Per i premi riguardanti il 2017, i pagamenti dovrebbero iniziare non prima di gennaio 2020. Per il 2018, invece, nessuno al Ministero Politiche agricole alimentari e forestali e del Turismo gestito dal Ministro Gian Marco Centinaio (Lega Salvini) è stato in grado di indicare un termine.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore