Assenteismo, 130 procedimenti disciplinari conclusi dall’ASL Foggia

L’Azienda sanitaria locale di Foggia ha chiuso 130 procedimenti disciplinari che hanno portato a numerose sanzioni, tra cui sospensioni dal servizio e un licenziamento. Indagine interna scaturita dopo il blitz della Guardia di Finanza dello scorso 15 maggio, nel corso del quale sono state eseguite misure cautelari degli arresti domiciliari a carico di otto dipendenti dell’ospedale di San Severo, accusati di assenteismo.
Il Gip del Tribunale di Foggia, Roberto Scillitani, lunedì scorso ha revocato gli arresti domiciliari per sette degli otto indagati, concedendo loro la sola misura interdittiva della sospensione dal servizio.
Nei confronti degli otto coinvolti nell’inchiesta la Direzione generale dell’Asl di Foggia aveva già adottato, immediatamente dopo la notifica dell’ordinanza della magistratura, provvedimenti di sospensione dal servizio.
Inoltre a marzo del 2018, subito dopo l’acquisizione da parte dei finanzieri della documentazione utile alle indagini, i vertici dell’Asl foggiaia avviarono controlli che riguardarono l’intera attività di rilevamento presenze, in particolare nell’ambito territoriale del Distretto socio sanitario di San Severo.
Esaminate 85 posizioni anomale, aperti 15 procedimenti disciplinari e comminate altrettante sanzioni che hanno previsto, in alcuni casi, anche la sospensione dal servizio. L’attività di controllo si è gradualmente estesa a tutti i dipendenti della ASL. Le attività del Collegio di disciplina riguardano, oltre ai dipendenti del comparto, anche i dirigenti ai quali compete la responsabilità delle verifiche e dei controlli.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore