Esami patente truccati, arrestato gestore di scuola guida

Tramite l’utilizzo di microcamere e auricolari bluetooth inseriti in una maglietta “modificata”, aveva creato un ingegnoso sistema per suggerire ai candidati le risposte per superare i quiz per l’esame della patente di guida: il titolare di una scuola guida del Potentino è stato arrestato dalla Polizia stradale che, tra le province di Potenza, Matera e Cosenza, ha inoltre denunciato sette persone.
L’inchiesta giudiziaria è iniziata sono nel 2017 dopo la segnalazione di un dipendente della Motorizzazione civile di Matera che aveva sentito «degli strani fruscii provenire dalle postazioni d’esame occupate dai candidati».
Secondo quanto ricostruito, l’uomo arrestato «modificava» con microcamera e auricolari una polo da indossare all’esame: così dalla «cabina di regia» allestita nella sua scuola-guida riusciva a vedere le domande e a suggerire le risposte giuste.
I sette candidati denunciati gli avrebbero versato una somma tra i tremila e i quattro mila euro. Gli otto indagati sono accusati, a vario titolo, di falso e sostituzione di persona in concorso.
Pochi mesi fa a Bari fu scoperta un’altra centrale di esami truccati sempre con un sistema analogo a quello scoperto a Matera: in quella circostanza l’affare era gestito da persone vicine alla criminalità organizzata. Indagate più di 90 persone e sequestrate una settantina di patenti ad altrettanti conducenti che avevano superato gli esami in maniera fraudolenta.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore