Sempre più italiani colpiti dalla depressione

La depressione è ormai una patologia che colpisce indistintamente. Sia chi è istruito, ha un buon lavoro o una possibilità economica adeguata al suo tenore di vita e chi sopravvive, tira a campare. Il dato preoccupante, secondo gli esperti, è che è sempre più in crescita.
I ragazzini cominciano a manifestare queste problematiche in giovanissima età, per poi proseguire anche in età adulta, raggiungendo gli anziani, nei quali la depressione può manifestarsi come demenza senile.
Devora Kestel, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e di Uso di sostanze presso l’Organizzazione mondiale della Sanità, ha presentato a Trieste la relazione “Prospettive dell’Oms (organizzazione mondiale sanità, ndr) per il futuro della Salute Mentale Globale”.
Come emerge dagli studi “La situazione della salute mentale nel mondo non è affatto buona. Le malattie mentali e neurologiche sono infatti in aumento, così come cresce l’uso di sostanze farmaceutiche. Al primo posto nella classifica delle problematiche legate alla salute mentale globale c’è la depressione, che non conosce distinzioni di tipo socioeconomico, perché colpisce tutti gli strati sociali. C’è poi un abbassamento dell’età in cui si presentano questi disturbi, così come si abbassa l’età dei suicidi”.
Secondo l’Oms i disturbi mentali potrebbero a breve superare quelli cardiovascolari, attualmente al primo posto.
In Italia sono già ben 17 milioni gli italiani che ne soffrono. Il 50% di tutte le malattie mentali ha inizio versi i 14 anni ma raramente vengono diagnosticate, molto più spesso sono sottovalutate. Un altro dato, diciamo così, negativo è che il 10% dei ragazzi di età compresa tra i 15 e i 29 anni manifesta forme depressive o ansiose. Sempre in questa fascia di età il suicidio ricopre la seconda causa di morte.
Insomma bisogna non lasciar cadere nel vuoto questi campanelli d’allarme provenienti da studiosi, e correre ai ripari tramite informazione e dibattiti e, soprattutto, prevenzione.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore