Banca Popolare di Puglia e Basilicata, accordo sindacale sul Work-life balance

In vigore nell’Istituto bancario appulo-lucano un’intesa aziendale in tema di Work-life balance (equilibrio tra vita e lavoro), siglato dall’Azienda e i sindacati Fabi, First-Cisl, Fisac-Cgil e Uilca.
L’espressione Work-life balance si riferisce all’integrazione tra le attività quotidiane, legate alla sfera personale, e l’occupazione, in una prospettiva di bilanciamento qualitativo. Le aziende, con l’adozione di strumenti contrattuali e modelli organizzativi ispirati a tale concetto, mirano ad ottimizzare e bilanciare il rapporto tra lavoro e vita privata di ciascun dipendente.
La normativa nazionale si sta sviluppando in tal senso, e di recente è stata riaffermata la centralità del Work-life balance tanto da ABI quanto dalle Organizzazioni sindacali di categoria.
La contrattazione di secondo livello riguarda il piano aziendale e proprio in quest’ottica la normativa interna della Banca Popolare di Puglia e Basilicata prevede l’entrata in vigore, in via sperimentale, di nuovi istituti, volti alla flessibilità organizzativa, alla tutela ed al sostegno della genitorialità, e al welfare in senso lato.
Le soluzioni tecniche ricercate e condivise mirano a migliorare i livelli di efficienza e produttività aziendali e a migliorare il clima aziendale, facendo leva sul coinvolgimento e sul senso di appartenenza di ogni dipendente, contribuendo nel contempo al miglioramento della qualità della vita di lavoratrici e lavoratori.
L’Accordo prevede l’intervento su diverse aree: per quanto riguarda il campo della flessibilità organizzativa per i lavoratori appartenenti alle categorie delle Aree professionali e dei Quadri direttivi è prevista la possibilità di contrazione della durata della pausa pranzo, con anticipo correlato dell’orario di uscita serale; in via sperimentale, questa possibilità sarà applicata alle unità operative della Direzione centrale della Banca.
In merito alle tutele concernenti l’area genitorialità le novità prevedono il riconoscimento al padre lavoratore di tre giorni di permesso retribuito in occasione della nascita di un figlio, in aggiunta a quanto già previsto dalla Legge. Inoltre uno specifico progetto formativo, denominato “Mamme@Work” è volto a favorire il rientro dal congedo di maternità per le dipendenti, attraverso attività di counselling e affiancamento specifico.
Sull’area del pendolarismo, anche in prospettiva di Green Banking, sono previsti appositi incentivi per favorire l’utilizzo dei mezzi pubblici da parte del personale. A tal fine la Banca ha attivato un’apposita casella di posta elettronica dedicata, alla quale ciascun dipendente potrà inoltrare richieste di rimborso per gli abbonamenti di trasporto pubblico sottoscritti.
“Tra le motivazioni che hanno indotto la Banca Popolare di Puglia e Basilicata all’introduzione e al potenziamento degli strumenti di Work-life balance – dichiara il presidente, Leonardo Patroni Griffi – è senz’altro riscontrabile l’attenzione concreta per le risorse, nonché la volontà di migliorare il clima aziendale. L’attenzione alla qualità ed alla flessibilità dei processi aziendali possono incidere positivamente sui risultati complessivi. Per questi motivi è opportuno agire sulla soddisfazione del personale, leva indispensabile in grado di apportare valore economico in maniera tangibile alla Banca e al Cliente, intesa anche come solidarietà tra colleghi”.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore