Gravina in Puglia, 7,9 milioni di euro del Comune non pignorabili

La somma impignorabile è pari a 7.998.378,02 euro. Riconducibile al semestre gennaio-giugno 2019.
Montagna di denaro sottratta alla possibile espropriazione forzata – stante i legittimi decreti ingiuntivi o sentenze giudiziarie – da parte dei creditori del Comune di Gravina provincia di Bari.
Situazione, diciamo così, incredibile. Accade solo in Italia. Determinata da Leggi statali, circolari e decreti ministeriali, sentenze della Corte Costituzionale.
Quindi i denari statali e regionali e municipali diventano fondi monetari cosiddetti “vincolati, non disponibili a esecuzione forzata”.
Pertanto l’amministrazione comunale gravinese, a gestione Pd dall’anno 2012, ha definito non soggetto a pignoramento il seguente capitale:

Personale: retribuzione, contributi e Irap                                 1.282.141,04 euro
Rate mutui capitale                                                                      394.984,70 euro
Rate mutui quota interessi                                                           233.794,84 euro
Espletamento servizi                                                                6.087.457,44 euro
Quest’ultima cifra determinata così:
Organi istituzionali                                                                      357.805,00 euro
Segreteria generale                                                                      259.946,00 euro
Ufficio tecnico                                                                               96.000,00 euro
Anagrafe Stato civile elettorale                                                     90.000,00 euro
Giustizia                                                                                         37.000,00 euro
Altri servizi generali                                                                      29.500,00 euro
Funzione Polizia locale e amministrativa                                    262.266,00 euro
Funzione Istruzione primaria e secondaria                               1.592.578,27 euro
Servizio smaltimento rifiuti                                                      7.682.048,49 euro
Servizio idrico integrato                                                              160.444,20 euro
Viabilità e infrastrutture stradali                                               1.292.952,00 euro
Soccorso civile-Protezione civile                                                  10.000,00 euro
Servizio necroscopico e cimiteriale                                             302.974,92 euro

Dunque il totale dei soldi non pignorabili è 7.998.378,02 euro.
Il provvedimento della Giunta comunale è stato trasmesso al gestore della Tesoreria comunale: Banca Popolare di Puglia e Basilicata.
Servizio aggiudicato il 15 giugno 2015 con validità quinquennale e sottoscritto dall’avv. Antonio Piizzi (dirigente Area finanziaria Comune), dott.Michele Fratino (segretario generale Comune), dott.Giovanni Colangelo vicepresidente Banca Popolare Puglia e Basilicata.
Non facile, per imprese private e professionisti, avere come cliente un ente pubblico a cui è impossibile pignorare, a fronte del servizio o consulenza o merce forniti, gran parte del suo Bilancio economico.
È normale, nell’anno 2019, siffatto blocco di ossigeno finanziario tenuto conto della permanente crisi economica italica, e perdurante sottosviluppo del meridione, senza via d’uscita?

Potrebbe piacerti anche Altri di autore