Taranto, sequestrato un quintale di cozze pregne di diossina

Personale della sezione Polizia Marittima e difesa costiera della Capitaneria di porto-Guardia Costiera di Taranto è intervenuto per bloccare la commercializzazione di una ingente partita, quasi un quintale, di cozze destinate alla vendita, provenienti dal primo seno del Mar Piccolo di Taranto e quindi non commercializzabili per la presenza di valori oltre la soglia di Diossina e Pcb.
I mitili, dopo essere stati sgusciati e confezionati in appositi contenitori, erano stati trasportati a bordo di un autoveicolo in un centro di spedizione della provincia di Taranto.
Su ciascuna vaschetta era stata apposta una falsa etichettatura, attestante la commestibilità del prodotto stesso. I militari hanno proceduto, d’intesa con l’Autorità Giudiziaria, a sequestrare il prodotto, avviato successivamente alla distruzione.
Le persone coinvolte nell’attività illecita sono state denunciate.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore