Xylella, austriaci e tedeschi finanziano ricerca contro il batterio

Tutto comincia con un’intervista su Merum una rivista svizzero-tedesca di vino, olio d’oliva, viaggi e alimentazione. Il giornalista Andreas März ha intervistato nei mesi scorsi il titolare dell’azienda olearia Forestaforte, Giovanni Melcarne.
L’argomento: il dramma Xylella e le sperimentazioni finalizzate a dare un futuro olivicolo al territorio salentino.
Colpita dalla vicenda, il giornale decide di intervenire sul dramma pugliese lanciando una campagna di donazioni “a sostegno della ricerca di Melcarne e del Cnr di genotipi resistenti al batterio killer degli ulivi”: in particolare serve una serra.
La raccolta fondi lanciata sulla rivista riscuote da subito un grande successo fra i suoi lettori. Cittadini tedeschi, svizzeri e austriaci contribuiscono alla ricerca per salvare il patrimonio del Salento.
E arriva il lieto fine: grazie all’impegno di Merum la serra sarà donata all’azienda Forestaforte il prossimo 15 ottobre.
Melcarne è commosso: “Oltre a essere un contributo concreto alla lotta contro la distruzione del Salento a opera di Xylella, il gesto di Merum e dei suoi lettori è anche un forte supporto morale alle aziende agricole che stanno vivendo questo dramma. Siamo sempre meno soli”.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore