Inchiesta sanità Basilicata,Tribunale del riesame conferma domiciliari al presidente Pittella

Il Tribunale del Riesame ha respinto il ricorso degli avvocati del presidente della Giunta regionale Marcello Pittella (Pd) contro l’ordinanza per cui è ristretto agli arresti domiciliari dal 6 luglio scorso, nell’ambito dell’inchiesta su concorsi truccati e raccomandazioni nella sanità lucana.
I Giudici depositeranno le motivazioni entro 45 giorni. Soltanto dopo i legali di Pittella potranno svolgere istanza di scarcerazione in Cassazione.
Pittella è accusato dalla Procura della Repubblica di Matera di abuso d’ufficio e falso per due delle quattro selezioni per concorso: quella per un posto da dirigente amministrativo e quello per otto posti da funzionario riservato ai disabili, entrambi indetti dall’Azienda sanitaria di Matera.
Secondo i Pubblici ministeri nel primo caso il presidente della Basilcata avrebbe propiziato la comunicazione delle tracce delle prove d’esame ad alcuni particolari candidati, dopo un incontro in Regione con l’ex direttore amministrativo dell’ASL MT, Maria Benedetto e un altro membro della commissione del concorso, il direttore amministrativo del San Carlo, Maddalena Berardi (entrambe agli arresti domiciliari).
Nel secondo caso Pittella avrebbe suggerito alla stessa Benedetto, che era andata a trovarlo nella sua villa di Lauria, una serie di «correzioni» nell’ambito della graduatoria provvisoria sottopostagli in anteprima, per avvantaggiare alcune persone da lui stesso indicate nella cosiddetta “lista verde”.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore