Banca, il Fintech che facilita la vita di risparmiatori e famiglie

Mentre le banche si preoccupano, i risparmiatori gioiscono al trovare nuove soluzioni per ogni tipo di esigenza finanziaria. L’ascesa del Fintech sta mandando in pensione i servizi bancari tradizionali, convogliando i risparmiatori verso i servizi finanziari digitali.
Quali sono i nuovi servizi finanziari digitali?
Si va dal factoring (la cessione del credito che fa Credimi) al social landing (i prestiti di Prestiamoci) dai mobile payments (celeberrima Apple Pay ma degna di nota anche l’italiana Satispay) al currency exchange (il cambio valutario) fino ad arrivare alla robo-advisory o digital wealth management: la gestione digitale del risparmio di cui Moneyfarm è pioniera in Italia.
Le banche restano ma non sono più l’unica alternativa. Le ragioni della diaspora dalle banche sono molteplici. Tutti si sono dovuti scontrare, almeno una volta nella vita con certi loro “malfunzionamenti” per non parlare delle conseguenze dei crack finanziari di alcuni importanti istituti di credito che molti risparmiatori italiani hanno subito sulla propria pelle. Insomma in non pochi risparmiatori e imprenditori sono maturate nuove esigenze alle quali le banche non riescono ancora (o riescono solo parzialmente) a soddisfare.
Passando dalle banche a servizi di gestione digitale del risparmio come Moneyfarm si paga esclusivamente il servizio di consulenza, non i prodotti consigliati. Sei abituato a pensare che più paghi e più alta è la qualità del prodotto o del servizio che acquisti.
C’è la trasparenza totale dell’investimento. La tecnologia dà visibilità completa e in tempo reale dell’investimento, sempre a portata di clic. Ovunque il risparmiatore si trovi, basta un computer o uno smartphone per sapere come è allocato il risparmio e quanto sta rendendo. Oltre a fare nuovi investimenti e a smobilitare quelli in essere, è possibile contattare in ogni momento il consulente dedicato via chat e chiarire subito i tuoi dubbi.
Flessibilità del servizio e autonomia del cliente. Si può investire e disinvestire rapidamente a costo zero senza dover chiamare la banca o il promotore, aspettare e magari pagare anche commissioni di entrata e di uscita.
Grazie alla tecnologia inoltre non si deve più attendere un report o una telefonata dal tuo promotore finanziario: si consulta tutto in totale autonomia nell’area personale online.
Monitoraggio costante dell’investimento da parte di esperti. Ci sono piattaforme online che automatizzano completamente il processo di investimento affidando a un algoritmo le scelte precedentemente demandate al gestore.
Moneyfarm ha scelto un modello ibrido, che inserisce degli elementi di automazione nel momento della consulenza (quelli necessari a ottimizzarla) ma non perde affatto la componente umana: i portafogli d’investimento sono sempre monitorati da una squadra di Asset Allocation e vengono modificati a seconda dell’andamento dei mercati.
Un consulente dedicato, attento e facilmente reperibile per tutta la durata dell’investimento, a prescindere dall’ammontare investito. Una grave mancanza dei servizi tradizionali d’investimento bancario è data dalla scarsa cura per il cliente, soprattutto se trattasi di patrimoni sotto una certa soglia.
Le banche hanno a lungo avuto vita facile: il cliente rientrava in un dato cluster in base al suo stato patrimoniale e il fatto che fosse costretto a fare una serie di operazioni in banca ne garantiva sempre e comunque il legame con l’istituto.
La tecnologia contribuisce a introdurre finalmente anche nella consulenza finanziaria una dinamica competitiva basata sulla qualità del servizio offerto: tu oggi puoi scegliere la banca o un servizio come Moneyfarm, resti con il consulente finanziario che ti soddisfa davvero e se il rapporto qualità-prezzo ti conviene, non per abitudine o perché non hai alternative.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore