Un milione di euro per salvare i luoghi del cuore pugliesi

In arrivo un bando da un milione di euro per valorizzare i luoghi del cuore dei pugliesi.
Riconciliare le comunità con un patrimonio culturale minore troppo spesso dimenticato. Stimolarne il senso di appartenenza, soprattutto tra i più giovani, e rendere la sua fruizione una responsabilità collettiva. Nasce da questo bisogno il progetto pilota “I luoghi del cuore” di Puglia che vedrà insieme Regione Puglia e FAI – Fondo Ambiente Italiano.
Iniziativa, che punta a coinvolgere le istituzioni locali e gli studenti degli istituti scolastici, si pone in continuità con la campagna FAI “I luoghi del cuore” che, dal 2003, invita i cittadini italiani a segnalare e votare quei luoghi cari dimenticati e degradati che vorrebbero fossero, invece, salvati e conservati intatti per le generazioni future. Allo stesso modo la Regione Puglia inviterà i ragazzi delle scuole pugliesi a indicare e votare i propri luoghi del cuore.
Un contributo per piccoli interventi di riqualificazione o messa in sicurezza, iniziative di valorizzazione, anche attraverso l’uso di tecnologie innovative, interventi di sensibilizzazione e promozione. Così dalle chiese ai borghi, ai giardini, ai vecchi casali, alle spiagge, ai palazzi, alle antiche corti, alle aree naturali, anche la Puglia avrà il suo censimento di siti speciali da riportare alla memoria e valorizzare.
“Quello del Fai – afferma l’assessore regionale all’Industria turistica e culturale Loredana Capone – è un grande progetto. Un’esperienza di partecipazione che la Puglia vuole replicare in piccolo rivolgendosi soprattutto ai più giovani, che domani saranno chiamati a prendersi cura dell’enorme patrimonio culturale ereditato. Vogliamo chiedere loro di essere i nostri ‘talent scout’, di aiutarci a scorgere angoli di bellezza ancora troppo poco conosciuti ma che hanno una grande storia da raccontare e sono indispensabili per ricomporre il puzzle della nostra identità. Sarà una gara di passione civica, veri e propri laboratori in cui i ragazzi e le ragazze, supportati dalle scuole, interrogheranno le emozioni sui tesori dimenticati di Puglia e proveranno a immaginane un altro destino”.
“I luoghi del cuore” di Puglia è una delle azioni previste nell’ambito della strategia regionale SMART in Puglia per il rilancio del patrimonio culturale e s’inserisce nel solco del processo partecipato e di sensibilizzazione delle nuove generazioni avviato dapprima con il bando Community Library, che tra i beneficiari vedeva proprio gli istituti scolastici, poi con la misura a favore della fruizione consapevole dei beni culturali attraverso il progetto “I musei raccontano la Puglia”.
Il consumo di cultura nel Sud Italia è così scarso da far rabbrividire.
Secondo le statistiche il 28% dei cittadini consuma cultura, il restante 70% lo fa in misura non rilevante. Nella classifica nazionale stilata da Istat la PUGLIA è la penultima regione per numero di lettori.
Con Smart In Puglia si vuole recuperare questo grave ritardo ripartendo proprio dal rilancio dei luoghi, dell’immenso e straordinario patrimonio di beni culturali ancora orfani di partecipazione. Perché non c’è futuro senza consapevolezza e condivisione.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore