Xylella, agricoltori e politici contro il presidente Michele Emiliano

Esponenti politici e rapppresentanti di organizzazioni agricole criticano le strategie adottate dal presidente della Giunta regionale della Puglia, Michele Emiliano, riguardo il fenomeno della Xylella che ha colpito gli ulivi pugliesi.
Per esempio il presidente nazionale di “Noi con l’Italia” ed europarlamentare Raffaele Fitto sostiene che «È paradossale che proprio chi ha sabotato il Piano Siletti, che esattamente tre anni fa ordinava l’espianto degli ulivi malati di Xylella, per arginare il rischio di epidemia, ora faccia una incredibile giravolta e chieda al Governo un decreto Legge d’urgenza per gestire l’esecuzione delle direttive dell’Unione Europea. Se tre anni fa si fosse attuato quel Piano – aggiunge – oggi il batterio non sarebbe alle porte di Bari e, invece, Emiliano, lo ricordiamo bene, manifestò la sua contrarietà e lodò l’azione della magistratura che sequestrava gli ulivi e impediva l’eradicazione. Le sue parole furono: è una liberazione. Purtroppo è l’ennesima conferma che il Governo regionale della Puglia non solo non è in grado di fronteggiare il diffondersi del batterio, ma di avere una visione strategica del territorio».
Il presidente di Coldiretti Puglia Gianni Cantele afferma: «Ogni tentennamento aggrava la situazione e le procedure per poter rispondere al diktat di Bruxelles sono troppo farraginose, per questo sono urgenti Leggi straordinarie che consentano di eradicare chirurgicamente le piante infette per arrestare l’avanzamento a nord della Xylella. Gli abbattimenti sono un rimedio violento che appare peggiore del male, ma se fossero stati sradicati i pochi ulivi infetti ritrovati 4 anni fa, la provincia di Lecce oggi non risulterebbe drammaticamente improduttiva – aggiunge – e le province di Taranto e Brindisi non sarebbero rientrate nella zona infetta. Ora, il pericolo più incombente in quella zona riguarda la piana degli olivi e le distese di mandorleti e ciliegi».
La parlamentare Elivira Savino, di Forza Italia rileva che «Il presidente della Regione Puglia Emiliano ha aspettato che il Governo Gentiloni fosse dimissionario per chiedergli un decreto Legge immediato per accelerare le procedure di abbattimento degli alberi infetti dalla xylella. E’ davvero assurdo, a maggior ragione perchè quello della Xylella è un problema gigantesco che la Puglia si porta avanti da anni, per incapacità del Governo regionale e di quello nazionale (entrambi del Pd), ma Emiliano si sveglia solo ora per cercare di porvi rimedio».

Potrebbe piacerti anche Altri di autore