Se grazie a Facebook cresce la disinformazione

“Abbiamo creato un sistema di gratificazione a breve termine di like e di feedback, guidato dalla dopamina, che sta distruggendo il modo normale in cui la società funziona.Non sono cresciute né le discussioni, né la collaborazione. Ma solo la disinformazione e la mistificazione della realtà. E quello che dico non è un problema solo americano, non ha niente a che fare con i post della propaganda filorussa, ha a che fare con tutto il mondo”.Parole di Palihapitiya ex vicepresidente di Facebook.
Ha detto di sentirsi “terribilmente in colpa” per aver contribuito a creare Fecebook,lanciando strali all’intero sistema dei social network.
Nel corso della lezione Palihapitiya ha raccontato di un incidente avvenuto in India, dove falsi messaggi su rapimenti condivisi su WhatsApp hanno portato al linciaggio di sette persone innocenti.
Da parte sua l’ex uomo al vertice di Facebook cerca “di usare Facebook il meno possibile”, e che ai suoi figli “non è permesso usare quello schifo”.
La voce di VPalihapitiya non è la prima che si leva a criticare il sistema.
Sean Parker, uno dei primi investitori di Facebook, ha affermato di essere diventato un “obiettore di coscienza sui social media e che Facebook e altri sono riusciti a sfruttare una vulnerabilità nella psicologia umana“.
Un ex product manager dell’azienda, Antonio Garcia-Martinez, dice che Facebook ha mentito sulla sua capacità di influenzare le persone sulla base dei dati che raccoglie su di loro, e ha scritto un libro ” Chaos Monkeys”, sul suo lavoro presso l’azienda.
Palihapitiya ha criticato non solo Facebook, ma l’intero sistema di finanziamento della Silicon Valley. Ha rivelato che gli investitori pompano denaro in “imprese schifose, inutili, idiote”, piuttosto che affrontare problemi reali come il cambiamento climatico e le malattie. Palihapitiya gestisce attualmente la sua società ” Social Capital”, che si concentra sul finanziamento di aziende in settori come l’assistenza sanitaria e l’istruzione.
La risposta della multinazionale Facebook non si è fatta attendere.Il portavoce della società ha risposto ai commenti critici dell’ex dirigente, dicendo che Facebook “era una società molto diversa” durante il periodo in cui lavorava lì.
Ecco la risposta completa: ” quando Chamath Palihapitiya era a Facebook, eravamo focalizzati sulla costruzione di nuove esperienze sui social media e sulla crescita di Facebook in tutto il mondo. All’epoca Facebook era un’azienda molto diversa e, crescendo, ci siamo resi conto di come anche le nostre responsabilità sono cresciute. Prendiamo molto seriamente il nostro ruolo e stiamo lavorando duramente per migliorare. Abbiamo svolto molto lavoro e ricerca con esperti e accademici esterni per comprendere gli effetti del nostro servizio sul benessere e lo stiamo utilizzando per lo sviluppo del nostro prodotto. Stiamo anche facendo investimenti significativi in persone, tecnologie e processi e, come ha detto Mark Zuckerberg, siamo disposti a ridurre la nostra redditività per garantire che vengano effettuati gli investimenti giusti“.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore