Regione,100 mila euro per i Comuni con pochi abitanti

Dalla Regione Puglia arriva un bando per aiutare i Comuni nell’elaborazione di progetti finalizzati alla valorizzazione di beni culturali.
A beneficiarne le amministrazioni comunali periferiche, con un numero minore di abitanti, che si avvarranno delle competenze di giovani professionisti sotto 35 anni d’età.
Lo schema di avviso è stato approvato nel corso dell’ultima Giunta regionale con uno stanziamento pari a 100mila euro.
L’obiettivo è duplice : accompagnare i Comuni, che spesso hanno difficoltà a progettare, nel percorso di candidatura agli avvisi Smart In e aiutare i giovani professionisti a farsi spazio in un settore complesso ma strategico per il futuro delle amministrazioni comunali.
Si tratta di un primo passo verso il consolidamento di un patto di collaborazione e cooperazione che si avvia con i Comuni ma che si allargherà presto a tutti i beneficiari degli avvisi Smart In: istituzioni pubbliche, Università, scuole.
Sono quattro le linee di azione, per ciascuna delle quali è riservato un avviso pubblico: Community Library / Biblioteca di Comunità (20 milioni); Laboratori di fruizione per la conoscenza e la valorizzazione dei luoghi della cultura pugliese (50 milioni); Teatri storici (20 milioni); Empori della Creatività / Botteghe artigiane, Luoghi della cultura e Maestria del lavoro (10 milioni).
Il provvedimento adottato dalla Giunta costituisce un ulteriore incentivo per le amministrazioni locali a partecipare a tali azioni della Regione, soprattutto in vista dei prossimi bandi (Laboratori di fruizione e Teatri storici), valorizzando il talento e l’energia di giovani progettisti per i quali questa opportunità rappresenta una importante occasione in termini di esperienza e crescita professionale.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore