Profumi e sapori d’autunno in terra pugliese

Il nuovo bando di Pugliapromozione per le imprese turistiche riguarda le attività di destagionalizzazione nei prossimi mesi autunnali.
“Puglia365”,piano strategico del turismo, ha già prodotto numerosi eventi incentrati sulla destagionalizzazione , l’avvio di nuova accoglienza e la promozione anche in co-marketing, con riguardo ai mercati esteri con i quali la Puglia è collegata con voli aerei diretti.
Il 2017 è stato “l’anno dei borghi” , in particolare la Regione ha promosso il progetto speciale sui Monti Dauni non finanziando eventi a pioggia nelle città costiere. E’ stato dato spazio all’ entroterra con specifico riferimento al turismo esperienziale e al bike tourism che è in grande crescita.
Con “Puglia365 – Sapori e profumi d’autunno”,che ha uno stanziamento di 800 mila euro, viene anticipato “l’Anno nazionale del cibo” che il Ministero del Turismo ha lanciato per il 2018.
Obiettivo principale di “Sapori e profumi d’autunno” è sperimentare prodotti turistici nuovi con al centro il filo rosso dell’enogastronomia e forme di turismo slow.
C’è una novità per i soggetti che saranno ammessi: rispetto al bando dell’estate,da poco conclusa, potranno partecipare anche masserie didattiche e distretti urbani del commercio.
I progetti da realizzare dovranno durare almeno tre week end ed essere tarati per target specifici di utenti. Saranno requisiti preferenziali l’immagine coordinata e il coinvolgimento di almeno due Comuni come sedi delle manifestazioni. Previsto il monitoraggio dei risultati e l’analisi dei dati per rilevare l’indice di gradimento dei turisti.
Il piano strategico Puglia 365 è stato partecipato da 18 forum che hanno coinvolto tutti gli attori locali ed ha portato la Puglia, unica in Italia, ad approvare uno strumento di programmazione che guarda al 2025 ed ha una dotazione finanziaria sui fondi europei di 36 milioni di euro, 12 all’anno, fino al 2019.
Fra le attività programmate quest’anno da Pugliapromozione ad ottobre parte”Buy Puglia on Tour”: serie di incontri business to business in cui gli operatori pugliesi incontreranno i tour operator delle principali capitali europee collegate con i voli per gli aeroporti di Bari e Brindisi.
Contemporaneamente nelle metropolitane di queste città (Parigi, Vienna, Monaco, Bruxelles, Berlino e Amsterdam) sarà presente la campagna “We Are in Puglia” il fortunato hastag che ha raggiunto su instagram e twitter milioni di follower.
Il Buy Puglia on Tour riprenderà a febbraio 2018 con altre tappe in particolare a Manchester e Liverpool (dove soo previsti nuovi voli diretti) e in altre capitali in Spagna e Polonia che sono i Paesi con il maggior tasso di crescita per presenze e arrivi.
A dicembre la Puglia sarà a Barcellona alla più importante fiera degli eventi mondiale e Pugliapromozione porterà per la prima volta il calendario degli eventi 2018 già pronto per essere “venduto” sui mercati esteri: dalla Notte della Taranta, al Medimex che dopo il successo di Iggy Pop di quest’anno si terrà in un’altra città pugliese, passando per tutti i grandi eventi pugliesi che devono diventare attrattori formidabili da ogni punto di vista: dal Bifest, al Carpino Folk Festival, dal Locus Festival alle settimane sante con in particolare quella di Taranto che andrà in onda su Sky arte.
In cantiere anche molte azioni che riguardano la qualificazione degli Info-Point turistici della Rete Regionale: sono state adottate nuove linee guida e con l’avviso per gli info-point rivolto ai Comuni per il periodo agosto/settembre sono stati approvati 54 progetti nelle sei province che hanno portato al risultato di una uniformità dei livelli dei servizi offerti (apertura sino alle 23, immagine coordinata personale front-office, social customer service, animazione on-site).
In collaborazione con Aeroporti di Puglia, sono poi in atto interventi per migliorare l’accoglienza dei turisti in transito presso i due gate internazionali, mentre è in corso di realizzazione un innovativo sistema di comunicazione in grado di generare informazioni gratuitamente h24 sulla fruibilità del territorio.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore