ZES Taranto,ecco il rinomato gruppo di esperti

Undici. E’ il numero degli  esperti, di variegata quanto rinomata provenienza e formazione, designati dalla Giunta regionale pugliese. Gruppo di lavoro istituito al fine di individuare “ adeguati strumenti conoscitivi e valutativi degli effetti della Zes”. Quest’ultima zona economica speciale per Taranto e provincia è uno strumento di innovazione e sviluppo per dare nuova linfa all’economia e al settore manifattura joniche.Offre la possibilità di agevolazioni fiscali sotto forma di riduzione imposte sui redditi,quelle regionali sulle attività produttive o tributi locali per gli immobili posseduti da imprese e utilizzati in attività imprenditoriali,oltre a garantire un taglio dei contributi sulle retribuzioni da lavoro dipendente.

I consulenti,a titolo gratuito, scelti dal Governatore delle Puglie,Michele Emiliano, e dalla Giunta sono i seguenti :

Gianni Liviano consigliere regionale del Pd in qualità di coordinatore(da maggio a ottobre 2015 assessore regionale al Turismo della Puglia), prof. Antonio Uricchio Magnifico Rettore Università degli Studi Aldo Moro di Bari,prof. Aldo Berlinguer Ordinario diritto comparato presso Università degli Studi di Cagliari e da dicembre 2013 a giugno 2016 assessore regionale esterno della Regione Basilicata,prof. Giuliano Volpe Ordinario archeologia cristiana e medievale Università Studi di Foggia, Francesco Milella consulente Ocse,Sergio Prete presidente sistema autorità portuale Mar Jonio, avv. Maurizio D’amico segretario generale Forum Zes Ginevra,Luigi Sportelli presidente Camera Commercio Taranto, Angelosante Abruzzese direttore dipartimento risorse finanziarie Regione Puglia,Aldo Patrono direttore dipartimento Cultura Regione Puglia,prof. Domenico Laforgia direttore dipartimento Sviluppo economico Regione Puglia.

Ultimamente Taranto è stata oggetto di non poche Leggi e contratti di programma per la bonifica e riqualificazione delle zone inquinate. Il presidente e gli assessori regionali hanno coinvolto la varia cittadinanza nell’elaborazione di idee e progetti utili allo sviluppo del territorio sotto il profilo della regolamentazione urbanistica,ambientale e industriale.

Quindi a fine agosto 2016 viene istituito un Gruppo di lavoro “…ricco e articolato per dar vita al processo di riposizionamento economico e produttivo,sociale e culturale di Taranto e dintorni”.

A coordinare il sodalizio è nominato il consigliere regionale,tarantino, Gianni Liviano e ne fanno parte i direttori dipartimenti della Regione Puglia, rappresentanti dell’Autorità gestione fondi europei Fesr e Feasr,direttori delle agenzie strategiche regionali,consiglieri regionali eletti a Taranto e provincia.

Dunque due qualificati e ,diciamo così, un poco pletorici gruppi che dovrebbero contribuire  a migliorare la vita dei cento mila e più tarantini,su cui pende la notizia dei 3000-5000 esuberi programmati dalla cordata Acelor Mittal-Marcegaglia che tramite AM Investco Italy è la nuova proprietaria di Ilva spa.

 

Potrebbe piacerti anche Altri di autore